mercoledì 30 settembre 2009

SALVA PRECARI: SCADENZA IL 9 OTTOBRE

30 settembre 2009
RIPUBBLICHIAMO IL TESTO DEFINITIVO DEL DL SALVA-PRECARI. LE DOMANDE VANNO PRESENTATE ENTRO IL 9 OTTOBRE 2009. I TEMPI SONO I RISTRETTI.
Aggiorniamo lo speciale. Scadenza domande per il 9 ottobre. La domanda va presentata attraverso la scuola in cui si è prestato servizio nell’anno scolastico 2008/09

La guida di Lalla sul salva-precari

Scadenza presentazione domanda: 09 ottobre 2009
La domanda va presentata tramite la scuola seguenti per il tramite in cui si è prestato servizio nell'a.s. 2008/09

Durata del provvedimento: a.s. 2009/10

Beneficiari:
Personale docente e personale Ata inserito a pieno titolo per l'a.s. 2009/10 rispettivamente nelle Graduatorie ad esaurimento e nelle Graduatorie permanenti

già destinatario (da Graduatorie permanenti o da I fascia delle GI per il personale docente, da I o II fascia per il personale Ata) nell'a.s. 2008/09 di contratto a tempo determinato (annuale fino al 31 agosto o al termine delle attività didattiche fino al 30 giugno) per le classi di concorso, posti o profili per cui è iscritto nelle Graduatorie ad esaurimento/permanenti.

* che non abbia potuto stipulare, per le stesse classi di concorso, posti o profili professionali, per l'a.s. 2009/10, la stessa tipologia di contratto per carenza di posti disponibili, o lo abbia stipulato per un numero di ore inferiore a quello di cattedra o posto in assenza di posti interi.
* che ha rinunciato, nella provincia di appartenenza, ad uno spezzone, in assenza di disponibilità di posti interi.
* che ha rinunciato ad una contratto, anche ad orario intero, dalle province di inclusione in coda

Esclusi:

* chi ha rinunciato o rinunci per l'a.s. 2009/10 ad un contratto di supplenza, offerto da Graduatorie ad esaurimento o da GI di I fascia, su cattedra o posto intero dalla provincia di inserimento a pettine.
* docenti assunti a tempo indeterminato in qualsiasi provincia
* collocati a riposo dal 1° settembre 2009
* destinatari di un contratto stipulato da II o III fascia delle graduatorie di istituto nel 2008/09, o da GI di I fascia con contratto di durata inferiore al 30 giugno

Modalità: conferimento di supplenze per assenze del personale in servizio, con precedenza assoluta rispetto al personale inserito nelle graduatorie di circolo e di istituto.
La disponibilità vale per tutti gli insegnamenti e i profili professionali per cui si è iscritti nelle graduatorie permanenti/ad esaurimento.

Rientrano nella precedenza, secondo l'ordine della graduatoria che si verrà a costituite, anche coloro che hanno diritto ad usufruire del provvedimento per completare l'orario.
Il completamento può avvenire solo nell'ambito della provincia in cui è già stato stipulato il contratto su spezzone.

Condizioni: il personale docente e ata che si iscrive nelle liste di disponibilità è obbligato ad accettare qualunque proposta di supplenza all'interno delle preferenze espresse, a meno che non si sia già impegnati in altro incarico.

Valutazione Punteggio : 12 punti nella stessa classe di concorso, posto di insegnamento o profilo professionale, dell'incarico 2008/09

Scelta della provincia
La domanda va indirizzata, a scelta dell'interessato, all'USP della provincia

di inclusione a pieno titolo nelle graduatorie ad esaurimento provinciali
di inclusione nelle graduatorie d'istituto 2009/10
di una delle province aggiuntive qualora si sia stipulato per l'a.s. 2009/10, in tale provincia, un contratto su spezzone (fino al 31 agosto o 30 giugno) al fine di garantire il completamento dell'orario.
in via obbligatoria, –ai fini del completamento d’orario - all'USP nella cui graduatoria ad esaurimento il personale docente è inserito, qualora abbia stipulato, nell’anno scolastico
2009/2010, contratto a tempo determinato di durata annuale o sino al termine delle attività didattiche per un numero di ore inferiore a quello di cattedra o posto.
Rapporto tra liste di disponibilità e Graduatorie di istituto

Interessa coloro che danno la propria disponibilità in provincia diversa rispetto a quella in cui si è iscritti per le Graduatorie di istituto (quindi o provincia di appartenenza o provincia di coda su spezzone)
In questo caso l'inclusione nelle Graduatorie di istituto è sospesa ai fini delle supplenze brevi finchè si fruisce del provvedimento; si può comunque essere destinatari di eventuali supplenze annuali o fino al termine delle attività didattiche.

Scelta dei distretti

Devono essere indicati, in ordine di preferenza, i distretti scolastici per cui si dà la disponibilità:

* almeno 2 distretti nelle province che ne comprendono fino a 5;
* 3 nelle province da 6 a 10;
* 4 in quelle da 11 a 16
* 5 negli altri casi.
Costituzione elenchi
Per le supplenze brevi (fino a 10 giorni) nelle scuole dell'infanzia e primaria la disponibilità è invece prevista per un solo distretto tra quelli scelti
Ricevute le domande, l'USP compilerà degli elenchi a carattere provinciale o sub provinciale divisi per tipologia di posto, classe di concorso o profilo professionale.
L'elenco sarà stilato secondo l'ordine di graduatoria, cioè in base alla fascia, al punteggio e alle eventuali precedenze possedute nelle rispettive graduatorie ad esaurimento/permanenti.
L'elenco di coloro che hanno diritto a completare l'orario nella provincia di inclusione in coda sarà naturalmente subordinato a quello degli inclusi a pettine, a meno che la provincia
non coincida con quella in cui è inserito nelle graduatoria di circolo o di istituto.

N.B.
Coloro che sono già impegnati nella scuola di infanzia o primaria in supplenze di durata sino a 10 giorni mantengono il diritto ad essere interpellati per supplenze di durata superiore.

Coloro che sono già impegnati in progetti regionali non possono accettare, durante lo svolgimento dei progetti stessi, supplenze temporanee conferite con le procedure di questo provvedimento, salvo diversa previsione delle singole convenzioni Miur - Regione.
Conseguenze rinuncia (immotivata o senza giustificato motivo) :
* perdita diritto ad essere interpellato per altre proposte secondo le procedure di questo provvedimento
* perdita del diritto al punteggio per l'a.s. 2009/10
* perdita del diritto all'indennità di disoccupazione eventualmente percepita

Naturalmente il punteggio già maturato e quello eventualmente derivante da contratti stipulati dal regolare scorrimento delle graduatorie di istituto, sarà attribuito.

No penalizzazione se si rinuncia alla supplenza, anche in corso,

* per incarico annuale o fino al termine delle attività didattiche
* perchè impegnati nei progetti regionali
* perchè impegnati in virtù della legittima inclusione nelle graduatorie di istituto.
* se impegnato in supplenza conferita da GI, stipulata in provincia diversa, prima di questo provvedimento
Applicazione del provvedimento
Il provvedimento si applica a partire dalla data di diffusione degli elenchi prioritari.

2 commenti:

antonio ha detto...

nel decreto ministeriale ultimo dopo le modifiche non si fà piu riferimento alle fascie,quindi il presente testo,credo sia sbagliato.

comitati insegnanti precari caserta ha detto...

Grazie, controlleremo. Anche se la fonte è attendibile.